Cura e Accoglienza

L'Ospedale

L’Ospedale Meyer, fondato nel 1891 per volontà del commendator Giovanni Meyer in ricordo della moglie Anna, è stato tra i primi in Italia a occuparsi in maniera esclusiva dei problemi di salute dei bambini, dalla nascita all’adolescenza.
Trasferitosi nel 2007 nella sede attuale, il nuovo ospedale, voluto dalla Regione Toscana, non ha mai smesso di crescere accogliendo bambini e ragazzi provenienti da molti Paesi.
Oggi è nella condizione di crescere ancora e ha un vitale bisogno di spazi per avviare nuove linee assistenziali e per potenziare cura, ricerca, didattica e formazione. 
L’ospedale, come si presenta attualmente per organizzazione degli spazi e delle attività dedicate alla cura, muterà via via che le strutture recentemente acquisite prenderanno rinnovata forma e funzioni con la ristrutturazione, liberando spazi che saranno riqualificati e resi più funzionali alle esigenze di cura e ricovero ad alta intensità. 
La cura in ospedale sarà accompagnata da un’accoglienza speciale e potenziata, il Family Center Anna Meyer: una struttura ecocompatibile collocata nel parco in prossimità dell’ingresso dell’ospedale e destinata a diventare punto di riferimento per le famiglie durante tutto il percorso di ricovero ospedaliero fino al rientro a casa.

I progetti dell'area Cura e Accoglienza

Facciamo il Meyer più grande insieme

Tutti possono contribuire al progetto e aiutare il Meyer a diventare più grande. Come? Sostenendo con una donazione la Fondazione Meyer, da sempre a fianco dell’ospedale, nella sua azione quotidiana e nelle sfide più grandi a favore dei bambini. Ogni donazione diventerà simbolicamente un mattoncino che andrà a costruire il futuro del Meyer e quello dei suoi piccoli pazienti, permettendo di intervenire su tutti quegli aspetti che da sempre caratterizzano il Meyer come un ospedale a misura di bambino.

Dona